Conferenza stampa. Sea Watch, Open Arms e la politica europea nel Mediterraneo
14 Gennaio 2019
Restiamo umani. Appello di cattolici ed evangelici sui migranti
22 Gennaio 2019

Lampedusa, nuovi sbarchi

Drawing by Francesco Piobbichi “Anne Frank is in every boat”

Federazione delle chiese evangeliche: “Lampedusa porto aperto. Mai più persone lasciate in mezzo al mare, paesi europei facciano il loro dovere”


Lampedusa (NEV/CS06), 18 gennaio 2019 – Sono sbarcate stanotte all’alba a Lampedusa 67 persone, di origine egiziana, pakistana e somala, partite dalla Libia e soccorse dalla Capitaneria di porto dell’isola in acque territoriali italiane.
“Vogliamo dare il benvenuto a queste persone arrivate fortunatamente sane e salve sull’isola siciliana” ha dichiarato Paolo Naso, coordinatore di Mediterranean Hope (MH) – programma rifugiati e migranti della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) che è presente a Lampedusa con un Osservatorio sulle migrazioni.

“La soluzione umanitaria, legale e razionale adottata questa volta dovrebbe diventare ordinaria – ha continuato Naso -. Darebbe all’Italia una formidabile arma di pressione sull’Europa, perché finalmente si crei una cabina di coordinamento dell’accoglienza, sulla base di quote concordate con i paesi europei disponibili. Anche all’estero, così come in Italia, le chiese evangeliche e la chiesa cattolica e quella ortodossa dispongono di centri pronti a sostenere importanti piani di redistribuzione dei migranti arrivati via mare. In questa prospettiva, siamo pronti a lavorare con le nostre chiese sorelle all’estero per creare canali europei di accoglienza dei migranti, superando così le restrizioni e le rigidità del regolamento di Dublino. I dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione diffusi oggi dicono che dall’inizio dell’anno sono già morte 83 persone nel Mediterraneo – ha concluso Naso. –  Noi pensiamo che quest’ecatombe debba cessare subito, anche per il bene dell’anima e della coscienza dell’Europa”.

Nei giorni scorsi la Federazione delle chiese evangeliche in Italia e la Diaconia valdese si erano rese disponibili ad accogliere i migranti recuperati in mare dalla Sea-Watch e della Sea Eye e sbarcati a Malta dopo una lunga trattativa. Concluse le procedure preliminari, alcuni di loro arriveranno in Italia e saranno accolti in strutture della FCEI e della Diaconia valdese.